Note biografiche

Giovanni Valentini nel periodo della sua adolescenza viene folgorato da profonde intuizioni (1954/1955 circa). Egli va maturando delle equazioni futuribili, nelle quali l'Arte si sposa in maniera indissolubile con la Scienza. Dette equazioni quali Arte ÷ Scienza ÷ Utopia ÷ Creatività collegate da Algoritmi per il futuro, lo inducono a pensare che l'uomo si orienterà verso trasformazioni profonde del Suo essere in divenire, tali da scardinare la sua antropologia, la sua psicologia del profondo, il suo stesso Essere.

I suoi pensieri lontani anni luce in una Lecce lontana da simili istanze, e in Puglia altrettanto lontana, lo spingono a migrare nel Centro-Nord per affermare i suoi pensieri tumultuosi. L'arrivo di "Cyborg" creato da un ingegnere con un medico americano all'inizio degli anni sessanta, vengono raccolti con entusiasmo dal Valentini che ne accoglie immediatamente le spinte profondamente rivoluzionarie e pionieristiche: era ciò che mancava per chiudere il mosaico ed il cerchio. In questo senso egli è stato il primo Artista a livello mondiale a portare avanti le istanze connesse con i suoi pensieri. Lavorando per circa cinquant'anni su questi argomenti si aprono nuove autostrade, quindi, a livello multidisciplinare e globale.

Breve curriculum formativo

In particolare si lavora su:

  1. Cibernetica visiva
  2. Cibernetica olfattiva
  3. Cibernetica tattile
  4. Cibernetica uditiva
  5. Cibernetica gustativa.

Inoltre: si lavora, di poi, su scenari di Astronomia ed Astrofisica, toccando aspetti dello spazio-tempo, di meccanica quantistica, di esplorazioni celesti con potente strumentazione osservativa (enormi telescopi, grandi radio telescopi, analisi dell'Universo profondo, ecc.). L'osservazione dell'Universo è tutta tesa verso il futuro con rilievi spesso sorprendenti ed infiniti.

Si lavora su: